sabato 8 ottobre 2022

quarantesima settimana

i ruderi della torre di Ceparano, che naturalmente sorge in un punto
dal quale si ha una visuale completa della vallata;  la torre è stata
costruita con lo spungone, roccia calcarea che contiene fossili di
conchiglie perchè tre milioni di anni fa qui era tutto sotto il mare!

Complice il bel tempo che abbiamo in questi giorni, con temperature nemmeno lontanamente da ottobre (o almeno non degli ottobri del passato), col marito domenica scorsa sono stata a fare una breve escursione in collina. Siamo arrivati fino a quella che qui chiamiamo Torre di Ceparano, dove ero stata un'altra volta molti anni fa. Il ginocchio dolorante è in netto miglioramento e quindi ho voluto provare a fare una passeggiata più impegnativa del solito. Inoltre, siccome ultimamente mi è tornata la voglia di fotografare in analogico, mi sono portata dietro la mia Lomo'Instant Square, oltre che la solita bambola (solita non perchè mi porti dietro sempre la stessa, ma perchè da due anni a questa parte prendo sempre una bambola con me quando viaggio o faccio escursioni; sì, lo so, la demenza senile, eccetera XD). La camminata è stata di due ore, tra andata e ritorno, più il tempo passato a saltellare tra le rovine, attività che di certo non era molto indicata per il ginocchio, ma non posso farci niente, non riesco a resistere! Mi sa che ho una certa propensione a imitare Indiana Jones, non fosse per i miei obiettivi limiti fisici sarei molto più spericolata.

Realizzo con orrore che il fatto che questa sia la quarantesima settimana significa che ne mancano ancora solo dodici alla fine dell'anno. Aiuto! Vuol dire che prima di quanto me ne renda conto mi troverò catapultata nel bailamme natalizio che detesto, sempre che non ci arrivi una bomba atomica sulla testa prima. Per ora però la situazione si mantiene tranquilla, questa settimana è stata la replica della scorsa e sono stata soddisfatta di essere riuscita a cucire delle cose decenti (non è cosa scontata, combino pasticci spesso e volentieri XD).

10 commenti:

  1. Anch'io detesto il periodo natalizio e spero che arrivi il più tardi possibile, anche se qui, nonostante indossiamo ancora le magliette a mezza manica, i negozi sono già allestiti con abeti e palline.
    Che ansia!
    Comunque sono felice che il tuo ginocchio sia in ripresa.

    Anch'io avrei voluto uscire un po' domani, ma Lorenzo è (già) a casa con l'influenza. Cominciamo benissimo...

    P.S. Il jukebox di questa settimana è per te. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace per Lorenzo, spero che guarisca presto! Noi invece dovremo rinunciare alla gita collinare programmata perchè pare che domani piove. Uffa! E grazie per la canzone ^___^

      Elimina
  2. qui si preannuncia un natale di austerità, penso un po' ovunque... che sia finalmente finita la frenesia degli acquisti sempre/comunque?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse vero! E magari anche evitare di mettere le luci a fine novembre...

      Elimina
  3. I fossili di conchiglie sulla pietra sono così definiti, quasi uno stampo, a distanza di migliaia di anni, è incredibile a pensarci.
    Il periodo natalizio mette in difficoltà anche me. L'unica cosa che mi piace è la chiusura aziendale e la possibilità di dormire di più al mattino per qualche giorno di seguito, ché in pieno inverno è sempre fastidioso alzarsi all'alba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, in inverno si dovrebbe poter restare a poltrire sotto il piumone!

      Elimina
  4. Prima di Natale c'è ancora Halloween quindi hai ancora qualche giorno di respiro! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che io Halloween non riesco a farmelo piacere? O meglio, non mi interessa proprio. E' come se mi chiedessero di festeggiare la fine del Ramadan o qualche altra festa aliena XD

      Elimina
    2. Figurati, anche io non lo sento minimamente ma a tanta gente piace molto! :p

      Elimina