mercoledì 5 ottobre 2022

Heartbreak High - reboot

Mi capita spesso di vedere serie con protagonisti adolescenti, si potrebbe quasi dire che quello scolastico è uno dei miei generi preferiti. Vista l'età che ho, questo potrebbe sembrare quanto meno bizzarro, ma adesso non ho voglia di stare a psicanalizzarmi per capire il motivo di questa predilezione, mi limiterò a dire che questa serie in particolare mi ha incuriosita perchè è australiana. Non ho visto molte serie australiane, anzi probabilmente quelle viste le conto sulle dita di una mano sola, quindi la curiosità ci stava. La prima cosa che mi sento di dire che è la presenza di ragazzi di origini nazionali diverse e di diverso orientamento sessuale in questo caso è risultata del tutto naturale e affatto forzata (il che mi porta a chiedermi se veramente cose viste in passato erano costruite "male" o se, a furia di vederne di tutti i colori, ormai ci ho fatto l'abitudine). La serie mi è piaciuta, anche se, a ben guardare, le tematiche sono le stesse. Ci sono l'amore e il sesso, ci sono i tanti piccoli problemi che da adolescenti sembrano montagne insormontabili, ma alla fin fine c'è anche una discreta dose di ottimismo che porta a concludere che c'è del buono dentro questi confusi sedicenni. Al centro della trama di questa prima stagione - non ho idea se ne seguiranno altri - c'è una sorta di sex education,  questa volta istituzionalizzata. La protagonista, Amerie,  e la sua migliore amica infatti hanno creato sulle pareti delle scale di servizio della scuola una sorta di mappa del sesso, indicando scrupolosamente chi ha fatto cosa con chi. All'inizio del nuovo anno scolastico la mappa viene scoperta e la preside decide di spedire tutti i ragazzi che vi sono nominati a fare un corso speciale di sesso e relazioni. Inutile dire che i diretti interessati non sono per nulla entusiasti per la cosa, oltre a nutrire particolare astio per Amerie in quanto autrice della mappa. Questa serie è il reboot di un'altra serie omonima uscita negli anni Novanta che conta sette stagioni; Netflix ha avuto l'intelligenza di mettere a disposizione anche questa e, inutile dirlo, mi sono messa a guardarla perchè ero curiosa di fare il paragone tra come sono trattate certe tematiche a distanza di venticinque anni. 

Nessun commento:

Posta un commento