giovedì 14 aprile 2022

Florence Korea Film Fest - seconda parte

 Sinkhole

Singkeuhol 싱크홀

Film di genere catastrofico che ha un tocco di originalità: di condomini che affondano dentro una dolina infatti non ne avevo ancora visti. E' proprio quello che succede alla casa di Park Dong-Won (interpretato da Kim Sung-Kyun) che, orgoglioso del proprio appartamento appena acquistato, ha fatto una festa di benvenuto coi colleghi d'ufficio. Quando il disastro succede quindi in casa con lui ci sono anche due dei suoi impiegati, mentre la moglie è uscita a fare la spesa e assiste allibita alla catastrofe. Del loro figlioletto non si sa nulla: salta fuori che si è chiuso all'interno di un'automobile che si trova nel garage semi-allagato e distrutto. Tra i sopravvissuti ci sono anche Jung Man-Soo (Cha Seung-Won) e suo figlio. Mentre i pompieri cercano il modo di intervenire, cosa non facile perchè il terreno intorno al cratere è instabile e continua a piovere, i cinque guardano sconsolati la piccola macchia di luce della superficie a mezzo chilometro di distanza e attendono i soccorsi. Questo è il genere di film da guardare come se fosse un cartone animato, infatti non solo è poco plausibile la premessa, ma anche le acrobazie dei personaggi per salvarsi vanno al di là delle possibilità umane, per come la vedo io. Poi è vero che sono sovrappeso e non vado in palestra, infatti io ci sarei rimasta secca subito. Comunque sia, se uno lascia la logica da parte, c'è modo di divertirsi parecchio. Nel cast ci sono anche Kim Hye-Jun che ho visto di recente in Inspector Koo, e Lee Kwang-Soo.

Start-Up 

Sidong 시동

I diciottenni Taek-Il e Sang-Pil, dopo aver abbandonato gli studi, intraprendono strade diverse. Il primo, che non va d'accordo con la madre, scappa di casa e finisce per fare il fattorino in un ristorante. Il secondo diventa apprendista di uno strozzino. Nel ristorante di Taek-Il lavora uno strano cuoco: grande e grosso, dall'aria del teppista, non lesina pugni a lui e all'altro fattorino però quando c'è da menare sul serio le mani si eclissa. Intanto Sang-Pil si trova a dover fare i conti con la propria coscienza quando capisce che il suo lavoro prevede intimidazioni e pestaggi. I due si riuniranno quando il chiosco acquistato dalla madre di Taek-Il rischierà la demolizione. Si può ben parlare di una storia di formazione e di crescita per questo film che è tratto dall'omonima webcomic. A differenza di Snowball però c'è una luce in fondo al tunnel e i protagonisti finiscono per trovare sia la loro strada che la serenità. Il cuoco bizzarro è interpretato dal sempre più grosso Ma Dong-Seok e Sang-Pil da Jung Hae-In.

The Book of Fish

Jasaneobo 자산어보

All'inizio del 1800, l'intellettuale Chung Yak-Jeon subisce la persecuzione dei cortigiani; il defunto re lo aveva in simpatia, ma da altri non è ben visto il fatto che egli, insieme ai due fratelli, studi la cultura occidentale e si sia convertito al cristianesimo. Viene quindi spedito su un'isola remota dove spadroneggia un governatore tanto arrogante quanto illetterato. Yak-Jeon conosce un giovane pescatore del posto, Chang-Dae, che è figlio illegittimo di un nobile e che ha sempre cercato di istruirsi per dimostrare al padre di essere degno di venire accolto ufficialmente nella sua famiglia. Chang-Dae da principio evita Yak-Jeon perchè disprezza la sua inclinazione eretica, ma quando si rende conto di non essere in grado di imparare da solo i difficili testi pieni di caratteri cinesi, accetta di insegnargli tutto sui pesci dell'isola in cambio di lezioni. Tra i due nasceranno stima e amicizia, fino a quando Chang-Dae, finalmente adeguatamente istruito, non verrà accettato dal padre e diventerà un pubblico ufficiale. Il denaro da solo però non dà la felicità. Non ho ancora visto tutti i film di questa edizione del festival, ma non penso di azzardare troppo dicendo che questo potrebbe risultare il più bello. Parla del valore della conoscenza e della giustizia, oltre che di tante altre cose, e tra l'altro è tratto da una storia vera perchè entrambi i personaggi sono realmente esistiti. Il cast vede Sol Kyung-Gu nei panni di Yak-Jeon ed è stato girato da Lee Joon-Ik che ricordo per lo splendido The King and the Clown.

                                 Beauty water

        Gigigoegoe Sunghyungsoo 기기괴괴-성형수

Yae-ji lavora come truccatrice ed è brutta e grassa. C'è stato un tempo in cui faceva danza classica ed era molto brava, ma a causa del suo viso non aveva avuto modo di farne una carriera. Ora subisce le frecciatine dei colleghi e si sfonda di birra e cibo spazzatura. Tocca il fondo quando le viene chiesto di sostituire una comparsa e le immagini in cui si abbuffa di cibo vengono diffuse in rete, con tutti i commenti del caso. Yae-ji si chiude nella sua stanza, tra la disperazione dei genitori e l'assedio dei mass media. Un giorno le arriva sul cellulare l'offerta di partecipare a una programma che l'aiuterà a migliorare il suo aspetto; clicca sul link senza crederci e le arrivano due bottiglie di una fantomatica acqua di bellezza della quale fino ad allora aveva solo sentito parlare. Sta di fatto che il procedimento funziona e si ritrova con un viso molto più bello, benchè ancora con un corpo da cicciona, per cui costringe i genitori a procurarle il denaro sufficiente al trattamento completo, diventando così bellissima. Questo però è l'inizio delle sue disavventure. Non ho trovato molte notizie su questo anime che dovrebbe essere tratto da una webcomic e che si colloca decisamente nel genere horror. Non stupisce che sia una produzione coreana, visto che la Corea del Sud detiene il primato del numero di interventi di chirurgia estetica eseguiti al mondo e che la bellezza pare sia un'ossessione nazionale.

 Hard Hit

Balshinjehan 발신제한


Sembra una mattina come tutte le altre per il banchiere Sung-Kyu, se non che mentre è in viaggio per accompagnare a scuola i figli e andare al lavoro, sente squillare un telefono che non è il suo e che è stato lasciato nella sua auto. L'uomo che gli parla dice di aver messo una bomba sotto il suo sedile e di volere un grande ammontare di denaro per lasciarlo libero; se invece lui cercherà di uscire dall'auto, la bomba esploderà. Dopo l'iniziale scetticismo, Sung-Kyu capisce di dover obbedire, soprattutto dopo che un suo collaboratore viene fatto esplodere. Proprio questo fatto però mette in allarme la polizia che sospetta un suo ruolo e comincia a inseguirlo. Remake del film spagnolo El desconocido (titolo internazionale Retribution), a me è piaciuto, anche se non posso paragonarlo all'originale perchè non l'ho visto. In linea generale non amo i remake, ma le versioni coreani spesso sono ben fatte.

4 commenti:

  1. Interessante quello catastrofico.
    Mentre premio il secondo per la locandina più brutta 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti non è proprio il massimo come locandina XD

      Elimina
  2. Sembrano tutti carini... solo Hard Hit mi ispira meno perché non è esattamente il mio genere ma devo dire che i film coreani hanno sempre una certa attrattiva per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cinema coreano è decisamente interessante, è un peccato che quasi tutti questi film non vengano distribuiti nelle sale.

      Elimina