mercoledì 2 febbraio 2022

The sinner

Non cambiare mai idea è forse più grave che cambiarla troppo spesso; ad ogni modo sono contenta di aver cambiato idea riguardo a questa serie perchè, dopo aver visto la prima stagione, avevo deciso di non proseguirla. Infatti la prima stagione è tratta da un libro, mentre quelle che seguono sono soggetti originali e mi sembrava che la cosa non avesse molto senso. In realtà lo ha nella misura in cui ogni stagione costituisce un caso a sè e l'anello di congiunzione è il detective Ambrose (interpretato da Bill Pullman). Ambrose, che è uomo dal passato incasinato, ha la qualità di voler guardare oltre le apparenze ed è la sua empatia ad aiutarlo a sbrogliare la matassa. Nella seconda stagione si trova davanti al caso di un tredicenne che ha avvelenato una coppia; salta fuori che i due l'avevano rapito dalla comune nella quale era nato e viveva. Per Ambrose è importante capire il retroscena di questo duplice delitto e si trova così ad avere a che fare con Vera, madre del ragazzino e a capo della comune, oltre che con un suo vecchio amico la cui figlia poliziotta lavora all'indagine. Il ragazzino è veramente colpevole, su questo non ci sono dubbi, ma tutto quello che salta fuori dalle indagini è tanto doloroso quanto sorprendente. La terza stagione ha come protagonista un mite professore di storia con moglie molto incinta che sbrocca dopo aver rivisto un ex-compagno di Università. I due hanno un incidente d'auto nel quale l'amico muore, ma un paio di particolari fanno sospettare Ambrose che ci sia sotto qualcosa di losco. Per riuscire prima a capirci qualcosa poi a carpire una confessione, egli si avvicina pericolosamente all'uomo. Entrambe le stagioni mi sono piaciute, anche se ho preferito la seconda.


3 commenti:

  1. Sono felice che questa seconda stagione sia persino meglio della prima.
    "Solo i cretini non cambiano mai idea", hai ragione.
    Allora eccomi, cretina presente all'appello, perché io continuo a non guardare le serie, senza nemmeno provarci. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amore mio, se adesso non le guardo perché ho l'Alzehimer, figuriamoci fra vent'anni. Ahahhaha 😘

      Elimina