giovedì 18 novembre 2021

Dogs of Berlin

 

Un famosissimo calciatore di origine turca che gioca per una squadra tedesca viene ucciso. Il detective Kurt Grimmer nota per caso la scena del crimine dall'appartamento della sua amante, si reca sul posto e, quando capisce chi è il morto, immediatamente impedisce che si diffonda la notizia e cerca di farsi affidare l'indagine. Grimmer è bravo nel suo mestiere, ma ha il vizio del gioco e deve restituire una grossa somma che non ha. Siccome l'omicidio del calciatore è avvenuto alla vigilia di un'importante partita di campionato, prima ancora di cominciare a indagare egli si reca dal suo allibratore nella speranza di vincere la cifra dovuta, pensando che l'assenza del fuoriclasse porterà alla sconfitta della sua squadra. Comincia così e ne succedono davvero di tutti i colori in questa miniserie tedesca; la Berlino che viene qui mostrata è piena di tensioni tra gruppi mafiosi di nazionalità diversa, criminali che vogliono farsi le scarpe a vicenda o semplicemente vendicarsi, neonazisti all'attacco, eccetera. A me è piaciuta proprio per questa visione della Germania molto lontana da quella del mio immaginario; a Berlino ci sono stata qualche anno fa e mi è apparsa pacifica. Inoltre il personaggio di Grimmer è di quelli disposti a tutto pur di ottenere ciò che vuole, eppure è animato da una propria morale e capace anche di gesti generosi. Gli fa da controparte il collega di origine turca Erol Birkan che invece si è sempre comportato in maniera integerrima. La domanda è: se è vero che i criminali sono disposti a tutto, perchè non dovrebbero esserlo anche i poliziotti, soprattutto quando l'intento è di metterli in galera?


8 commenti:

  1. Risposte
    1. La parte che più lo è, a mio parere, è proprio quella che mostra i conflitti sociali/razziali.

      Elimina
  2. se è vero che i criminali sono disposti a tutto, perchè non dovrebbero esserlo anche i poliziotti, soprattutto quando l'intento è di metterli in galera?
    perché il criminale è borderline e il poliziotto invece a stipendio fisso

    RispondiElimina
  3. anche io ho costruito un immaginario della Germania che non corrisponde affatto alla realtà, sarà che li facevo più intelligenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io sono cresciuta nel mito di quanto sono bravi i tedeschi. Colpa dei miei genitori!

      Elimina