venerdì 16 luglio 2021

intervallo

Book-crossing montanaro

Quando ero in vacanza in Val di Zoldo ho trovato ben due punti per il book-crossing. Il primo era costituito da un paio di semplici cassette di plastica poggiate a una fermata dell'autobus a Forno di Zoldo, il secondo era la piccola libreria con vetrinetta della foto qui sopra, a Colcerver. Da questa ho preso un volume con una storia del Gruppo TNT a colori, per la serie dei Classici dei Fumetti di Repubblica. Questo punto sembrava ben fornito, inoltre si trovava in un giardinetto provvisto di panchina. Anche se le iniziative di book-crossing sono sempre più diffuse, per me è sempre una piacevole sorpresa imbattermi in esse. Sarà che amo troppo i libri!

Ma anche i ventilatori!


Che bestia è?

Sotto il tendone del balcone di solito ci trovo i pipistrelli (non ora, ma in agosto-settembre), invece l'altro giorno c'era questa simpatica bestiolina che non avevo mai visto prima. Più lunga e grossa di una lucertola, il marito dice che è un geco. Per fortuna non ho problemi con animaletti di questo tipo, mi sono giusto assicurata che non mi cadesse in grembo quando mi sono messa a leggere fuori.

12 commenti:

  1. Confermo, è un geco. Dalle mie parti i più anziani lo chiamano "cerammandola" e sostengono che se ti entra dentro casa non devi ammazzarlo perché porta male. Cerchi di farlo uscire, ma assolutamente non devi ammazzarlo.
    Io nel corso della mia vita ne ho ammazzati due che mi erano entrati in camera, forse è la spiegazione alle tante mazzate che ho preso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo! No, in casa non è entrato lui, in compenso a volte mi entrano i pipistrelli...

      Elimina
  2. il book-crossing è una bella cosa, anche se qui dove vivo io, in sicilia, è ancora fantascienza >.<
    c'è un geco che si è stabilito nel mio garage, a volte lo vedo quando vado ad aprire per uscire la macchina, si va a nascondere subito, non mi dà nessun fastidio...:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che solo nella mia città (che non è certo grandissima) ci sono ben tre punti di bookcrossing. La verità però è che languono, di roba buona se ne trova di rado.

      Elimina
  3. Sì, è un geco... qualche giorno fa ne è entrato uno piccolissimo (4 o 5 cm al massimo) in casa ma nel tentativo di catturarlo si è nascosto e..... bò... non siamo ancora riusciti a ritrovarlo! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti finora ne avevo visto solo uno piccolo, non avevo nemmeno idea che diventassero così grandi!

      Elimina
  4. Confermo, è un geco, simpatico animaletto che, si dice, porta fortuna! Il book crossing è meraviglioso, c'è anche un sito dedicato in cui puoi sapere dove sono determinati libri e puoi aderire lasciando i tuoi.
    Un saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Bè, un po' di fortuna in più male non fa di certo ;)

      Elimina
  5. Ti ho già detto che in un parco della mia città (Monopoli) c'è una cassetta di legno piena di libri, circondata da alberi e panchine?
    È un angolo meraviglioso. Ti piacerebbe un sacco!

    RispondiElimina
  6. dalle mie parti il bookcrossing era stato attivato presso le biblioteche civiche, ma non mi pare abbia avuto molta fortuna, tutti prendevano e lo scaffale era sempre pieno di depliant pubblicitari :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una di queste casette della mia città è sempre pieno di opuscoli religiosi; hanno cominciato i testimoni di geova, i cattolici hanno replicato prontamente... insomma, una sorta di guerra di religione combattuta a suon di volantini XD

      Elimina