venerdì 16 aprile 2021

intervallo

Lost in translation

Sono il genere di persona che concede il beneficio del dubbio e la seconda possibilità, ma ci sono argomenti sui quali non transigo. Sarà che da sempre mi appassionano le lingue straniere e che per un certo periodo mi sarebbe piaciuto tradurre libri come mestiere, non sopporto di vedere traduzioni sbagliate. Non sono una talebana delle traduzioni letterali, so benissimo che in molti casi occorre prendersi delle libertà per rendere il senso di espressioni, battute o giochi di parole; quello a cui mi riferisco è proprio l'errore generato da ignoranza. Quello di distrazione che non causa danni alla comprensione si può perdonare (per esempio in Gli irregolari di Baker Street un "Sunday market" è diventato il "mercato del sabato"), ma nei sottotitoli in italiano di RuPaul's Drag Race ho riscontrato una serie vergognosa di strafalcioni che non hanno nulla a che fare con il particolare gergo usato o i giochi di parole. Nei due screenshot qui sopra per esempio mostro come "you need to dig in your trunks" (dovete scavare nei vostri bauli) è diventato "dovete nascondere il vostro tronco", frase tra l'altro completamente priva di senso, ma ci sarebbero molti altri esempi. Si tratta di una vergognosa mancanza di professionalità da parte di chi ha tradotto e di una grande mancanza di rispetto nei confronti degli spettatori da parte di chi paga lo stipendio a qualcuno che evidentemente è incapace di fare decentemente il proprio lavoro; tra l'altro stiamo parlando di tradurre dall'inglese, non dallo swahili.

Mini me

Nel magico mondo di quelli che giocano con le bambole come me ci sono alcune persone con bambole a loro immagine e somiglianza, che chiamano appunto mini me. Confesso che anche a piacerebbe avere una mini me, però finora non sono ancora riuscita a trovare una bambola che mi somigli. Invece volevo segnalare questo profilo Intagram che per me è geniale: iretaro è una fotografa giapponese che si ritrae insieme alla sua mini me, e la cosa bella è che sono sempre vestite uguali e spesso uguali sono anche le pose.

Rido per non piangere



Il vero problema non è certo quello della sedia negata alla Von der Leyen, quanto quello di un paese in mano a un soggetto del genere. E non è nemmeno l'unico, purtroppo.


17 commenti:

  1. Non ho capito se il soggetto sarebbe Draghi o Erdogan.
    In entrambi i casi non avresti mica torto... Ahahaha

    Quanto alle foto fotografa giapponese, sono bellissime. E dai, sei fortunata a non avere una mini te. Significa che sei unica. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi lamentavo di Erdogan. Ah, non so per la mini-me, forse vuol dire che non ci sono bambole che sembrano abbastanza vecchie X°°D

      Elimina
  2. Ciao, Sono Sara e ti ho letto in qualche commento ed eccomi qua!

    Le traduzioni? L'ho capito pure io che di inglese ci capisco davvero poco! Ma sto cercando di impararlo assieme al francese. Ho provato ad ascoltare film in lingua originale facendomi aiutare dai sottotitoli, ho lasciato perdere perché era più la confusione del beneficio!
    Lo stesso vale per portoghese e spagnolo, quelli li parlo e nonostante siano latini, le traduzioni fanno davvero pena!

    Una mini me? Sì, ma solo se avessi le fattezze della ragazza! ;-)

    Politica? Maglio che lascio perdere, potrei riempire il commento di imprecazioni!

    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Sara! Vedere film e serie in lingua originale in effetti è un ottimo modo per migliorare la conoscenza di una lingua, così come per "farsi l'orecchio". Quando possibile, mi sa che la cosa migliore è mettere i sottotitoli per i non udenti perchè riportano quasi fedelmente quello che viene detto. Questo però vuol dire che devi avere già una conoscenza base della lingua, sennò non saresti in grado nemmeno di leggere i sottotitoli. Non capisco come mai ultimanente la qualità delle traduzioni sia così scarsa: che usino Google translator per risparmiare? XD

      Elimina
    2. Mi sa che netflix non ha questa opzione... vabbè, troverò un altro modo!
      Ciao Guchi!

      Elimina
  3. Io a volte ho il sospetto che ormai le traduzioni le fanno direttamente con google translator o qualche app del genere :-D
    La Turchia non è mai stata una nazione democratica neppure ai tempi di Ataturk, però con Erdogan la situazione è pericolosissima perché oltre a essere un dittatore de facto è anche incredibilmente ambizioso e aggressivo. Spero che non riesca a scatenare guerre, è la tipologia di uomo che lo farebbe eccome, bisogna augurarsi che tiri le cuoia e che il prossimo "presidittatore" della Turchia sia uno che non voglia rischiare lo scontro con l'UE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi paesi purtroppo sembrano destinati ad andare di male in peggio.

      Elimina
  4. Io e l'inglese non ci capiamo minimamente quindi sono una di quelle porelle che dovrebbero dare per oro colato le traduzioni. Certe volte capisco che qualcosa non quadra e poi chiedo a mio fratello che se ne intende e conosce un po' di modi di dire. ^^

    Di MiniMe ne ho viste molte in rete! Alla fine qualche abito uguale lo fanno sempre! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho trovato un tizio (tra l'altro è di Roma) che ha un MiniMe uguale uguale a lui; lo ha usato quando era in viaggio, fotografandolo al posto suo, e devo dire che l'idea mi è piaciuta un sacco. Anch'io spesso fotografo le bambole invece di me quando viaggio (viaggiavo... vabbè!) però nessuna mi somiglia.

      Elimina
  5. Molte traduzioni sono orribili ed è per questo che bisognerebbe imparare a leggere libri in lingua originale e a guardare film e telefilm allo stesso modo. Lo so che non possibile e allora sotto gli occhi capitano gli svarioni più assurdi appena ci si concentra un poco. In un paio di episodi dell'Ispettore Derrick, compare, in uno, il mare a Monaco di Baviera e in un altro c'è la richiesta di un pizzo di 800.000 marchi invece di 800. In un documentario de' Il regno degli animali, fatto dalla BBC, una leonessa di 200 libbre diventa di 200 kg con la traduzione italiana. Ma ci sono degli errori di traduzione entrati addirittura nella cultura di tutti i giorni, come il taglio di capelli alla Mohicana che in realtà sarebbe alla Mohawk

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte fanno errori di una tale idiozia che ti viene proprio da chiederti se ci sono o ci fanno! Ricordo per esempio nel film "Demoni e Dei": ad un certo punto il protagonista dice che non gira un film da 50 anni. D'accordo che è anziano, ma 50? Difatti in inglese erano solo 15!

      Elimina
  6. Qualcuno ha fatto battute sull uso di Google Translator, ma io credo che avvenga proprio così. Non ho altra spiegazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta parlai di questa cosa con una traduttrice professionista, citandole l'ennesimo svarione nel tradurre la battuta di un film. Lei mi spiegò che a chi traduce film e serie viene fornito il copione, ma che nessuno si prende la briga di guardare i programmi, e questo spiegherebbe gli errori. Se io facessi quel mestiere lì, li vedrei eccome i programmi che devo sottotitolare! Come diavolo fai a tradurre fuori contesto? Quindi non so se la sua fosse una scusa o se è davvero così, ma anche in questo caso certi errori non si spiegano e la colpa è di certo di Google translator XD

      Elimina
  7. la traduzione mi pare davvero fatta con Google Translate.
    I minime uhmm nn saprei, mi farebbe un po’ effetto e poi già basto io con i miei difetti.
    La vicenda Draghi e Erdogan dovrebbe far riflettere… solo per una sedia si accorgono che tipo sia quell’uomo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E perchè il torto è stato fatto a un'europea. Alle povere donne turche non pensa nessuno?

      Elimina
  8. Il personaggio è indecente ma l'Europa continua a farci affari e anche questo è decisamente indecente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pienamente d'accordo. Il problema è che ce ne sono molti altri di regimi indecenti, ma l'interesse economico prevale sempre su tutto. Che tristezza...

      Elimina