giovedì 4 febbraio 2021

Pose

Non ho che parole di lode per questa serie che al momento conta due stagioni ed è ambientata a New York in un arco temporale che va dal 1987 al 1991. Al centro c'è la comunità LGTB dei neri e degli ispanici, all'epoca doppiamente discriminati. Proprio la frustrazione ha portato queste persone a creare un ambiente dove sentirsi accolti e compresi: è la cosidetta ballroom culture. In locali dedicati, ci si sfidava a colpi di lustrini, parrucche e mosse di ballo all'interno di diverse categorie. Era il momento della rivalsa, quello in cui gli emarginati diventavano protagonisti. A competere spesso erano le case, poiché un'altra espressione di quel movimento fu la creazione di nuclei famigliari non basati su legami di sangue, ma su fratellanza e solidarietà, in cui ci si aiutava a vicenda. Nella serie vediamo tutto questo grazie alle vicissitudini di un gruppo di personaggi fuori dal comune per più di un motivo. Non ci sono solo gli affari di cuore, la lotta per la sopravvivenza quotidiana e i numeri di ballo strepitosi, c'è anche il terribile spettro dell'AIDS che in quegli anni mieteva vittime a tutto spiano. Una serie dunque che alterna allegria e lacrime, ma che conquista proprio per la forza e il coraggio con cui i protagonisti affrontano la vita. Attendo con ansia la terza stagione e intanto mi sono ripromessa che nella prossima vita farò la drag queen XD


6 commenti:

  1. Ahahahah.. chissà che drag queen saresti! xD
    Ti immagino nella sua versione amante di bambole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito, devo assolutamente fare una bambola - anzi un bambolo - drag queen! Il problema sono le mie scarse doti sartoriali.

      Elimina
    2. Ma daiii... secondo me sei già veramente brava! @_@

      Elimina
    3. Me la cavo con i modelli semplici, devo passare al livello successivo XD

      Elimina
  2. Quanto amo questa serie! È un crescendo di emozioni. La seconda stagione è stata un vero e proprio pugno allo stomaco, ora attendo la terza con terrore per quello che inevitabilmente dovrà succedere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, la seconda emozionalmente è molto "forte". Pensare che quando ho cominciato a guardarla mi immaginavo una serie molto più frivola...

      Elimina