domenica 14 febbraio 2021

intervallo

Arsenio Lupin

No, non la serie TV... Qualche tempo fa col marito ci stavamo lamentando che si diventa vecchi, si dimenticano le cose e/o si fanno idiozie per colpa della sbadataggine. Detto fatto, l'idiozia l'ho fatta io il giorno dopo. Suona il campanello; è il corriere che mi lascia un pacco all'ingresso. Afferro il cutter e scendo per portarlo in cantina e aprirlo, e non appena esco sul pianerottolo lo sbam della porta di casa che si chiude alle mie spalle mi fa immediatamente accorgere che non ho con me le chiavi. Grandioso! E adesso che accidenti faccio? Sono le 11 di mattina, il marito lavora in un'altra città e prima delle 18 non torna a casa, il figlio maggiore è anche lui al lavoro, il figlio minore è a trecento chilomeri di distanza. Suono dai dirimpettai, una coppia poco più che settantenne per fortuna sempre molto gentile e disponibile, spiegando loro l'accaduto. L'idea è di telefonare al marito e farci dare il numero del figlio maggiore (il mio cellulare ovviamente è dentro casa e io non ricordo i loro numeri a memoria). La vicina per fortuna ha il numero di mio marito, lo chiama ma non risponde; pensiamo di provare con whatsapp e intanto che lei smanetta, il marito fa avanti e indietro fino a che non torna dentro tutto raggiante. E' riuscito ad aprire la porta di casa mia abbassando la linguetta di metallo della serratura con un pezzo di plastica. Wow! Non sapevo di avere un vicino di casa scassinatore!

Lo dice anche Nick Cave



I gattomontaggi di Fransdita Muafidin

Ho scoperto grazie a Facebook il profilo Instagram di questa tizia che si diverte a fare dei fotomontaggi, inserendo gatti in scenari urbani; la cosa divertente è che i gatti sono giganteschi, come si vede da questa foto:

Se avete voglia di vedere i suoi lavori, la trovate QUI.

Quello che più mi manca

A voler fare la lista delle cose che ci mancano da che è scoppiata la pandemia, penso che ognuno troverebbe molte voci. Personalmente mi sono resa conto già da un po' che la cosa che mi manca in assoluto di più è andare a ravanare ai mercatini delle pulci. In particolare mi è mancato quello che si tiene tra Santo Stefano e Capodanno nella mia città; è un mercatino per beneficenza che avviene in tempo reale alle donazioni, infatti so di gente che ci va anche più volte al giorno perchè di roba ne arriva sempre. Io ci facevo principalmente scorta di libri, quest'anno avrei buttato un occhio anche al reparto giocattoli, e invece niente. 


13 commenti:

  1. Evviva il vicino scassinatore!
    E belli i fotomontaggi dei gattoni giganteschi.

    A me manca più che altro la libertà di raggiungere mia madre quando voglio, poiché vive in un Comune diverso, seppur confinante. E, soprattutto, la possibilità di fare una passeggiata senza questa mascherina che mi opprime e alla quale non mi sono ancora abituata.
    Intanto, buona domenica. Anzi, buon San Valentino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e altrettanto! Anche se noi abbiamo festeggiato piuttosto l'ultima domenica di Carnevale ed è venuto a pranzo il figlio maggiore che è single, quindi per lui niente San Valentino XD

      Elimina
  2. A noi è capitato di rimanere chiusi fuori perché a mia moglie si è spezzata la chiave dentro la serratura. Andiamo dal fabbro che ci dice: non c'è problema, vi "scassino" la serratura e vi faccio entrare in un attimo.
    ... dopo due ore di tentativi inutili, mi è toccato chiamare il mio titolare per chiedere se mi poteva noleggiare il cestello elevatore per entrare dalla finestra...

    RispondiElimina
  3. io pensavo di risolvere con un keysafe box... quanto al vicino lo terrei d'occhio visto che Mafalda non collabora...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente no, lei corre a nascondersi se c'è un estraneo in casa XD

      Elimina
  4. Che vicino fantastico! Ahahahaha!

    Anche a me mancano un sacco i mercatini delle pulci.. voglio davvero tanto andarci e cercare bambole e schifezze!
    Mi mancano gli stupidi centri commerciali e i loro negozietti scintillanti.
    Mi manca andare serenamente a Bari a prendere manga e robaccia.
    Ovviamente mi mancano le fiere e mi piacerebbe fare un viaggetto anche piccolo ma ho troppi timori ormai... chissà se riuscirò poi a disabituarmi a questa situazione di stallo. :s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, uno rischia di abituarsi alla situazione attuale e anch'io mi chiedo se sarà automatico tornare a fare certe cose in futuro...

      Elimina
  5. Io fossi in te non so se sarei più ammirata o più inquietata dal vicino lupin! Ahahahah
    Il motto di Nick Cave è fantastico e lo condivido in pieno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fosse un altro in effetti ci sarebbe da preoccuparsi!
      E sì, viva Nick Cave!

      Elimina
  6. Anche io sono rimasto chiuso fuori casa senza chiavi, senza smartphone e senza portafogli. Due volte. Non ci voglio ripensare, avrei preferito avere il vicino scassinatore, guarda.

    E comunque Nick Cave regna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ci fosse stato il vicino non voglio nemmeno pensarci... Probabilmente mi sarebbe toccato attraversare la città in ciabatte e felpina (di questa stagione) per raggiungere casa di mio figlio e aspettare che tornasse dal lavoro XD

      Elimina
    2. Ecco: io ho dovuto fare una cosa simile

      Elimina