sabato 8 febbraio 2020

Jojo Rabbit


Se devo dire la verità, la prima volta che ho sentito parlare di questo film con protagonista un bambino che ha come amico immaginario Hitler ho storto il naso. Non faccio parte di quelle persone che credono che ci siano argomenti sui quali non si possa mai e in nessun caso ridere perchè con tutto quello che mi è successo in vita mia, se non avessi avuto il mio senso dell'umorismo  e l'ironia a tenermi a galla, addio. Perciò alla fine ho vinto la mia reticenza anche grazie alle molte recensioni positive lette in giro. Che dire: il film mi è piaciuto molto. L'inizio, a partire dalla sigla con le folle esaltate, è semplicemente esilarante, e anche se poi prende una piega più seria, non mancano mai situazioni e battute che fanno ridere. Il ragazzino protagonista, Roman Griffin Davis, è bravissimo e lo stesso regista Taika Waititi che fa la parte di Hitler mi ha fatto troppo divertire. Insomma, questo film è la chiara dimostrazione che si può dare una lezione di storia seria anche attraverso l'ironia e la risata. In generale mi pare che prevalga un'atmosfera quasi da favola e il finale è consolatorio, ma nel senso migliore del termine: non è una di quelle smancerie che si vedono a volte, ma un vero inno alla vita, alla ritrovata libertà e alla voglia di abbracciare il futuro.

6 commenti:

  1. E io devo ancora vederloooo!
    Però immaginavo fosse una ironia più fine, comunque rispettosa e delicata.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entrambe le cose, direi. Comunque ti consiglio di vederlo, ne vale davvero la pena!

      Elimina
  2. me ne hanno parlato benissimo: spero di recuperarlo presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io spero che almeno un premio Oscar lo vinca, lo meriterebbe.

      Elimina
  3. Mi hai incuriosito tanto, devo guardarlo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un film originale, un piacere vedere qualcosa di diverso dal solito.
      uona serata!

      Elimina