sabato 21 settembre 2019

miniserie inglesi

Per contrastare la frustrazione delle serie che si interrompono sempre sul più bello e che quando riprendono non mi ricordo più dove si era rimasti, mi sono vista alcune miniserie: poche puntate ed è tutto finito, che bello! Per coincidenza erano tutte inglesi, cosa che per me è sinonimo di ottima qualità sotto tutti gli aspetti.


Requiem è quella delle tre che mi ha lasciato con un leggero fondo di delusione per via del finale, ed è un peccato perchè per il resto è stata bella. La vita è già piena di incertezze di per sè e quando vedo un film o una serie o leggo un libro vorrei almeno lì avere una spiegazione e una chiusura chiari e definitivi. Poi esistono eccezioni che mi soddisfano comunque, ma in questo caso sono rimasta un po' così. Dunque, la protagonista è una famosa violoncellista la cui madre si suicida senza alcun motivo davanti a lei. Tra le cose della donna, la giovane trova una scatola con foto e ritagli di giornale relativi alla sparizione di una bambina ventitre anni prima e vuole capire perchè la madre li conservava; parte perciò per il Galles insieme al suo partner artistico. I due trovano un certo clima di ostilità ma continuano a scavare, finendo coinvolti in una trama dai risvolti soprannaturali.


Ironico il titolo: Safe. Un gruppo di persone vive da molti anni in uno di quei quartieri recintati che dovrebbero appunto far sentire tutti al sicuro tenendo i malintenzionati fuori, ma se invece fossero già all'interno? La sparizione di una sedicenne e del suo ragazzo trasforma il padre della ragazza in detective; mentre si aggira cercando di ricostruire le ultime ore prima della sparizione scopre segreti e nefandezze varie. Il ragazzo viene trovato cadavere, cosa che aumenta la sua angoscia sulla sorte della figlia, che invece sta benissimo, almeno di salute. Anche lei si è trovata a scoprire un segreto molto grave che finirà per sconvolgere la vita di tutti. Questa serie mi è piaciuta molto.


Molto bella anche questa Retribution, ambientata in Scozia. Una giovane coppia appena tornata dal viaggio di nozze viene brutalmente assassinata. Il giorno dopo il presunto assassino si sta recando a casa della ragazza quando ha un incidente con l'auto e viene soccorso dalla famiglia di lui. La sua foto però è su tutti i notiziari e appena le famiglie delle vittime realizzano chi hanno di fronte si trovano davanti a un dilemma morale: consegnarlo alla polizia o farsi giustizia da soli? Ancora una volta le cose sono molto più complicate di quello che sembrano e la verità terribile. Trovo sempre molto interessanti queste serie proprio per via del fatto che le vicende descritte aprono degli interrogativi spingendo lo spettatore a riflettere su che cosa avrebbe fatto se si fosse trovato nella stessa situazione. 

2 commenti:

  1. Safe mi viene "proposto" tra quelli da guardare, gli altri due mi son nuovi. Qualche puntata di Black Mirror mi è piaciuta tantissimo, a suo favore che ogni episodio inizia e finisce (ne avevi già parlato? le hai viste?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La devo ancora vedere! I miei figli insistono da mesi cantandone le lodi, io però non mi sento ancora "pronta".

      Elimina