sabato 24 novembre 2018

un problema di coscienza


Da qualche tempo mi sto interrogando su dove arriva il confine delle azioni che mi definisce come una brava persona. E' sufficiente non nuocere agli altri per essere delle brave persone? Se tutte le volte che vediamo accadere qualcosa di brutto e di sbagliato non ci attiviamo concretamente per porvi rimedio, questo fa sì che non siamo brave persone? Tuttavia se è al di sopra delle nostre possibilità farlo e ci tocca restare a guardare, anche se con disapprovazione, siamo brave persone oppure no? Me lo chiedo perchè di cose brutte e sbagliate attorno a me ne vedo capitare tante, ma finora sono state a una distanza tale che, anche volendo, non ho potuto farci niente. Per esempio, come si combatte contro una legge dannosa? Se viene applicata, come possiamo reagire alle ingiustizie che provoca? Non essere direttamente responsabili di una cattiva azione ma esserne testimoni immobili ci rende colpevoli come coloro che commettono realmente il male? Insomma, ho tutta una serie di domande di questo tipo che mi frullano in testa e non riesco a venirne a capo.

NB: su wikiHow hanno fatto la lista delle istruzioni su come essere delle brave persone e già dal primo punto dovrei concludere che non lo sono.

Nessun commento:

Posta un commento