lunedì 29 gennaio 2018

ll racconto dell'ancella (The Handmaid's Tale)


Questa serie TV è tratta dall'omonimo e pluripremiato romanzo di Margaret Atwood. Di questa autrice ho sentito parlare, ma non ho mai letto niente di suo. Benchè fossi curiosa di leggere il libro, ho volutamente guardato prima la serie per evitare le solite delusioni ed è finita che il tutto mi ha angosciato a tal punto che ho deciso di non leggerlo proprio, almeno per ora, per evitare di soffrire ulteriormente. Il contesto è quello di una dittatura religioso-maschilista che si è affermata in parte degli Stati Uniti; le donne hanno perso tutti i diritti e vengono relegate a varie forme di servitù. Siccome c'è un grave problema di infertilità, quelle che in passato hanno avuto figli vengono messe a disposizione degli uomini al potere con mogli sterili e viste essenzialmente come uteri ambulanti. Ricade in questo gruppo la protagonista June, ribattezzata Offred (ovvero: di Fred, a sottolineare che appartiene a Fred), la quale è disposta a sopportare tutto nella speranza che l'incubo finisca e che lei possa riabbracciare la figlia che le è stata tolta per darla in adozione a qualche coppia senza figli. Lo scenario è claustrofobico e paranoico; non ci si può fidare di nessuno perchè chiunque potrebbe denunciarti, e allo stesso modo bisogna stare attenti a pesare gesti e parole per non destare sospetti. Offred si trova oltretutto coinvolta da Fred in attività che esulano il suo compito di utero vivente (l'uomo la convoca nel suo studio per giocare a scarabeo) e, come se non bastasse, ad un certo punto la moglie di Fred, conscia che molto probabilmente è sterile pure lui, le propone di tentare di farsi inseminare dall'autista, che però fa parte degli Occhi (le spie del governo). Insomma, una roba da taglio delle vene. La serie mi è piaciuta perchè l'ho trovata realizzata molto bene (anche se non so di quanto si discosta dal romanzo), ma ho fatto una dannata fatica ad arrivare alla fine per via del perenne magone che mi ha provocato.



2 commenti:

  1. Stavo giusto valutando tempo fa se seguire questa serie, anche io non ho letto il libro ma vidi il film del 1990 interpretato da Natasha Richardson (figlia della famosa Vanessa Redgrave, e purtroppo scomparsa prematuramente a soli 45 anni)Robert Duvall e Faye Dunaway.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece quello non l'ho visto. Sarebbe interessante guardarlo per vedere le differenze con la serie, da quel po' che ho letto su Wikipedia della trama del libro mi sa che la serie ha cambiato alcune cose.

      Elimina