venerdì 24 febbraio 2017

L'assassina - Alexandros Papadiamantis


Sdraiata accanto al focolare, con gli occhi chiusi e la testa appoggiata allo stipite del camino, la vecchia Chadula, che tutti chiamavano Frangojannù, non dormiva, ma stava sacrificando il sonno presso la culla della sua nipotina ammalata. La madre della neonata s'era da poco assopita in quel suo misero giaciglio posto al livello del suolo.

Da alcuni anni il marito ha preso l'abitudine, in vista di un viaggio all'estero, di dedicarsi alla lettura di autori di quel paese per immergersi meglio nella cultura del posto, per questo motivo sono due mesi che ho la casa piena di libri greci. Solitamente non mi immischio, a meno che egli non mi segnali un testo in particolare (a questo giro, per esempio, siamo diventati entrambi fan entusiasti di Petros Markaris, del quale riparlerò). Questo libro qui l'ho letto perchè il marito ha detto che era carino. Cioè, carino... La storia è piuttosto cruda, altro che carina! Ambientata su un'isola nella seconda metà dell'Ottocento, vede come protagonista la sessantenne Chadula che, ossessionata dalle condizioni delle donne, diventa un'assassina di bambine. La vita certamente non è facile per nessuno, men che meno appunto per le donne che, come lei stessa, prima sono serve dei genitori, poi del marito e dei figli. Inoltre le figlie femmine vanno maritate con accompagnamento di dote, diventando un peso economico non indifferente per le famiglie già povere. Diciamo che a Chadula dà di volta il cervello, ma al contempo cerca di razionalizzare le proprie azioni. Il paradosso è che la polizia si insospettisce per un annegamento alla quale lei è estranea. Finirà prevedibilmente male. Sì, il libro mi è piaciuto, ma non lo definirei certo carino; forse la parte che ho apprezzato di più è il racconto della fuga di Chadula perchè svoltasi tra la natura selvaggia dell'isola.

4 commenti:

  1. in effetti letta la trama non direi "carino" nemmeno io; Vitali è carino, questo è tosto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di libri carini: mi sto rileggendo quelli del BarLume (Marco Malvaldi): non so se li conosci, sono molto divertenti.

      Elimina
    2. Sìì, letti tutti! Ho visto anche la fiction (a pezzi) che ne hanno tratto, ma non mi è piaciuta, mi ero fatta un'idea diversa dei personaggi!

      Elimina
    3. Sono talmente fuori dal mondo che manco sapevo ne avessero fatto una fiction X°°D

      Elimina