giovedì 14 giugno 2018

La prima regola del mago - Terry Goodkind


Era un rampicante bizzarro. Il gambo, dal quale pendevano delle foglie scure, si era avvinghiato allo snello tronco dell'abete del balsamo come se volesse strangolarlo. L'albero, che aveva la corteccia macchiata dalla sua stessa linfa e i grossi rami secchi piegati verso il basso, sembrava che stesse cercando di lanciare un lamento nella fresca e umida aria del mattino.

E' stata una bella fortuna che abbia visto la serie La Spada della Verità prima di aver letto il libro; nella mia ignoranza la serie mi era piaciuta, mentre paragonata al libro è una discreta cagata. Questo romanzo invece mi ha conquistata e quindi proseguirò nell'impresa (sono in attesa che mi arrivi il secondo volume). Rispetto alla serie i caratteri dei protagonisti vengono molto più approfonditi e ne vengono spiegate meglio le caratteristiche; siamo in un mondo dove esiste la magia e le cose spesso non sono come appaiono. Secondo me Goodkind ha fatto un gran bel lavoro e non ha lasciato nulla al caso. Per esempio, una cosa che balza agli occhi e che a volte mi ha leggermente irritato è l'abuso del termine amico/a; mi era addirittura venuta la curiosità di cercare il testo in originale per capire quale parola avesse usato e se non si trattasse di una svista nella traduzione. Giunta in fondo invece mi sono convinta che la cosa abbia la sua giustificazione nel fatto che a questi personaggi dotati di enorme potere e temuti per questo risulta quasi impossibile instaurare un rapporto alla pari con qualsivoglia loro simile a meno che la loro reale natura non sia tenuta nascosta, perciò un'amicizia disinteressata ha particolare valore. Ad ogni modo, questo primo libro potrebbe anche concludersi così, con un e tutti vissero felici e contenti, tanto più che Richard e Kahlan, a differenza che nella serie, possono infine fidanzarsi perchè Richard risolve il problema del potere di Kahlan. Il fatto che ce ne siano altri dieci mi fa capire che ne devono succedere ancora delle belle. Non faccio riferimento alla serie perchè ho già visto che si sono inventati metà delle cose e l'altra metà l'hanno modificata, quindi chissà cosa mi aspetta...

Nessun commento:

Posta un commento