venerdì 27 aprile 2018

Beauty and the Beast


Non so se ho già raccontato la mia teoria, ovvero che più mi tocca stare coi piedi per terra nella vita quotidiana, più tendo a rifugiarmi nel fantastico nel tempo libero. Ecco quindi che mi sono vista l'ennesima serie che di realistico ha poco. Si tratta del rifacimento di una serie omonima andata in onda alla fine degli anni Ottanta e ispirata a La Bella e la Bestia; qui il riferimento alla favola in qualche modo c'è, ma l'ho trovato vago. Delle quattro stagioni che la compongono di certo la migliore è la prima, anche se ha continuato a raccogliere premi e nomination pure durante le successive. Protagonisti sono una giovane detective della polizia di New York e un medico, ex-militare, che è stato sottoposto ad un trattamento sperimentale atto a trasformarlo in un super-soldato e che ha quindi diversi poteri speciali. Egli però vive in clandestinità perchè c'è chi vuole eliminare tutte le bestie come lui. I due dovranno quindi affrontare un'infinita serie di nemici e di pericoli per riuscire finalmente a vivere felici e contenti. La serie è certamente godibile anche se non rientra tra le mie preferite; verso la fine ho cominciato a non poterne più sia delle continue minacce che si presentavano sia dell'invincibilità del team composto dai protagonisti e dai loro amici. Con questo non voglio dire che mi augurassi la morte di qualcuno dei personaggi principali, solo che ho trovato un po' ripetitivo il tutto.

1 commento:

  1. Io ho visto le prime due stagioni, però dopo mi sono fermata perché la storia non si evolve.

    RispondiElimina