sabato 26 agosto 2017

La dinastia dell'oro - Taylor Caldwell


Il crepuscolo di marzo era come un'acqua profonda, stagnante, sulla campagna, sulle lunghe e basse colline. Sembrava che tutto fosse immobile, fissato, non in una rigida stasi, ma in una quiete di sonno; sembrava che tutte le cose avessero perduto la robusta consistenza del giorno, per trasformarsi in sogni liquidi, vaporosi che, se fossero stati appena turbati dalla più lieve bava di vento, si sarebbero scoloriti, dissolti, annullati, in silenziosi anelli d'acqua, allargatisi tutt'attorno.


Anche questo libro proviene da un mercatino, stavolta svoltosi in quel di Marradi, ed è l'edizione italiana del 1943 del primo romanzo di Taylor Caldwell, prolifica autrice di best-seller americana. Dynasty of Death narra l'ascesa di una famiglia di immigrati inglesi trasferitisi in Pennsylvania. Partiti da una modesta fabbrica, grazie soprattutto all'ambizione e alla spregiudicatezza del figlio maggiore, arrivano a diventare una vera e propria potenza industriale nel campo della fabbricazione di armi. I dilemmi morali non li toccano, a parte alcuni membri della famiglia tutti destinati a fare una brutta fine. La lettura di questo libro si è rivelata molto avvincente, anche se una traduzione più moderna l'avrebbe probabilmente resa ancora più godibile.

Nessun commento:

Posta un commento