giovedì 8 giugno 2017

cronache dell'Alzheimer


Finisco di cenare e mi faccio il caffè poi, dopo averlo bevuto, torno nella mia stanza a trafficare col computer. Dopo circa mezz'ora, mi chiedo: «Ma il caffè l'ho bevuto o no?», concludendo che no. Mentre mi alzo per andare a farmelo, mi ricordo però di avere messo la caffettiera sul fuoco, e allora allungo il passo, sicura di averla scordata sulla fiamma accesa e aspettandomi di trovare uno scenario apocalittico di caffè schizzato ovunque. Arrivo in cucina, scopro che la fiamma è spenta, e a quel punto realizzo anche di avere già preso il caffè.
Se andiamo avanti di questo passo, non so che cosa farò a settant'anni.

6 commenti:

  1. probabilmente questa stessa cosa... in ogni caso consiglierei una caffettiera elettrica.

    RispondiElimina
  2. è capitata la stessa cosa anche a me con l'unica differenza che il caffè ancora non l'avevo bevuto e la caffettiera era ancora sul fuoco ormai vuota, fortuna che la valvola ha funzionato bene :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che il caffè miete vittime... XD

      Elimina
  3. Proprio in questi giorni sto leggendo "Storia di un corpo" di Daniel Pennac e non so se ridere o piangere!
    Besos! Chus :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia sempre meglio ridere, sennò non resta che tirarsi un colpo!

      Elimina