giovedì 8 giugno 2017

cronache dell'Alzheimer


Finisco di cenare e mi faccio il caffè poi, dopo averlo bevuto, torno nella mia stanza a trafficare col computer. Dopo circa mezz'ora, mi chiedo: «Ma il caffè l'ho bevuto o no?», concludendo che no. Mentre mi alzo per andare a farmelo, mi ricordo però di avere messo la caffettiera sul fuoco, e allora allungo il passo, sicura di averla scordata sulla fiamma accesa e aspettandomi di trovare uno scenario apocalittico di caffè schizzato ovunque. Arrivo in cucina, scopro che la fiamma è spenta, e a quel punto realizzo anche di avere già preso il caffè.
Se andiamo avanti di questo passo, non so che cosa farò a settant'anni.

8 commenti:

  1. probabilmente questa stessa cosa... in ogni caso consiglierei una caffettiera elettrica.

    RispondiElimina
  2. è capitata la stessa cosa anche a me con l'unica differenza che il caffè ancora non l'avevo bevuto e la caffettiera era ancora sul fuoco ormai vuota, fortuna che la valvola ha funzionato bene :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che il caffè miete vittime... XD

      Elimina
  3. Proprio in questi giorni sto leggendo "Storia di un corpo" di Daniel Pennac e non so se ridere o piangere!
    Besos! Chus :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che sia sempre meglio ridere, sennò non resta che tirarsi un colpo!

      Elimina
  4. Possiamo fondare un graaande Club! (e dimenticare di farne parte.....) Però forse devi solo cambiare marca di caffè: non ti era piaciuto e ne volevi uno buono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andiamo col club, però bisognerà assumere una segretaria che ci ricordi quando riunirci XD

      Elimina