mercoledì 29 marzo 2017

La bella e la bestia


E' ormai chiaro che le mie facoltà mentali stanno svaporando e quindi ci sta che sia andata a vedere questo film. Oltretutto mi piace Emma Watson (dei tre potteriani è sempre stata la mia preferita) e quei due film di Billy Condon che ho visto li ho apprezzati molto. Da quel che mi è parso di capire, il film ricalca fedelmente il cartone animato; mi fido di ciò che ho letto perchè il cartone manco ricordo se l'ho mai visto. Ad ogni modo, avendo saputo tra l'altro che a dare le voci agli oggetti animati c'erano fior fiore di attori, ho ben pensato di andarlo a vedere in versione originale, con la convinzione che ci fossero i sottotitoli. Alla prima battuta di essi sprovvista mi è venuto un rapido attacco di panico per la serie mi tocca sciropparmi due ore di film senza capire un cazzo, e invece sono rimasta meravigliata perchè ho capito l'90% del parlato e il 70% del cantato. Questo fatto mi ha permesso di godermi la visione al 100%, se vogliamo restare in odore di percentuali.


La messa in scena è stata molto godibile, con costumi e scene davvero belli, animazione impeccabile, musiche gradevoli e attori tutti bravi (sia quelli che recitavano in carne ed ossa, sia quelli che hanno prestato la voce e hanno mostrato il volto solo negli ultimi cinque minuti). La Watson si conferma una delle giovani promesse del cinema inglese, inoltre è stato piacevole rivedere Kevin Kline, ormai alla soglia della settantina. Sempre secondo quanto ho letto prima di uscire di casa, questo film segnerebbe l'esordio nel mondo Disney di un personaggio gay (in realtà ce ne sono due), cosa che avrebbe provocato il divieto di visione ai minori di sedici anni in Russia, mentre in Malesia il taglio di una scena che secondo i censori era troppo esplicita (si vedevano i due uomini ballare per tipo cinque secondi XD) ha fatto sì che la Disney decidesse di ritirare il film. A me sembrano le solite paranoie prive di senso, in quanto di certo l'attenzione dei bambini sarà catturata più dal candelabro parlante che si vede per quasi tutto il tempo che non da qualche breve inquadratura queer. A parte che se fosse vero che certe cose si trasmettono per imitazione, la popolazione infantile si trasformerebbe piuttosto in altrettante Peppa Pig XD

Nessun commento:

Posta un commento