martedì 28 febbraio 2017

febbraio ansioso


In realtà le cose sono state meno catastrofiche di quanto non sembrino dal titolo, diciamo solo che ultimamente non sono stata del tutto tranquilla e rilassata. Intanto c'era il viaggio ad Atene con l'incognita che i vecchietti di famiglia si facessero venire un coccolone poco prima che partissimo, costringendoci a rinunciare, o mentre eravamo via. Per fortuna è andato tutto bene sia qui che in Grecia. Poi ci sono stati problemi di tipo fiscale. I primi non mi coinvolgevano direttamente (per quanto mi riguarda, si erano già accaniti alcuni mesi fa, ma avevo dimostrato la mia estraneità ai fatti); i secondi invece sono affar mio e non posso sfangarla. Ormai è certo che dovrò vendermi anche il secondo rene (dopodichè li ho finiti, quindi alla prossima mi darò alla prostituzione). Devo dire però che non tutto il male viene per nuocere, in quanto queste vessazioni mi hanno fatto decidere di sistemare certe cose entro l'anno. Di tempo ce n'è a sufficienza, perciò spero di chiudere il 2017 con diverse rogne in meno. In generale però non posso dire che febbraio sia stato un mese negativo: ho continuato a camminare e ho fatto le mie uscite fotografiche. Ho anche preso una decisione, sempre di tipo fotografico, che mi ha portato a compiere un ulteriore passo; si tratta però di embrioni e quindi al momento preferisco non anticipare nulla per timore che non si sviluppino. Diciamo solo che sono stata soddisfatta per aver almeno provato ad osare.

4 commenti:

  1. capperi, domani è Marzo! nonci posso credere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, tutti gli anni arriva il 28 di febbraio a tradimento che ancora un po' mi sembrava di essere ancora all'8 gennaio...

      Elimina
  2. ah vero la faccenda dei 5000 passi al giorno, bhe a questo punto mi sentirei di consigliarti di unire l'utile al dilettevole, risparmia il rene, e inizia a fare la passeggiatrice :P

    RispondiElimina