venerdì 6 gennaio 2017

Florence


Era da un pezzo che non ridevo così: decisamente il modo migliore di cominciare il mio anno cinematografico! Questo film s'ispira alla figura, realmente esistita, di Florence Foster Jenkins, soprano talmente poco dotata da risultare estremamente ridicola. La Florence del film è però ignara di ciò e ci pensa il devoto compagno St. Clair Bayfield a passare mazzette ai critici perchè non la massacrino nelle recensioni dei concerti e a vendere i biglietti solo ad un pubblico fidato che l'applaude indiscriminatamente. 

Florence impegnata in un acuto

Naturalmente le scene più esilaranti sono proprio quelle in cui Florence canta e si vedono le reazioni dei presenti ignari, come l'allibito pianista ingaggiato per accompagnarla. Il film mostra anche la relazione profonda che lega Florence al compagno, relazione che può essere solo platonica in quanto la donna è malata di sifilide (contratta dall'ex marito). Meryl Streep è stata superlativa come al solito, ma merita un applauso anche Hugh Grant nel ruolo di St. Clair, così come indimenticabili sono le espressioni e le pigolanti risposte di Simon Helberg (che interpreta il pianista Cosme McMoon). Dirige Stephen Frears che per me è una garanzia.


Questa è la vera Florence Foster Jenkins che, a quanto pare, era convinta di essere una brava cantante. E' stata comunque una donna che ha consacrato la vita alla musica, fin da quando scappò di casa perchè il padre non voleva che facesse la pianista. Fu anche filantropa, in quanto in seguito ereditò una fortuna. La sua popolarità fu dovuta al fatto che la gente si divertiva a sentirla stonare, ma credo che ci sia del vero in quanto suggerito anche nel film: lo faceva con una tale passione che era impossibile non tifare per lei.

2 commenti:

  1. Grazie per il suggerimento.
    La storia è singolare e incredibile.

    PS:ブーン・アネー

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, ti sei data al giapponese anche tu? ありがとうございます!

      Elimina