sabato 17 dicembre 2016

onda che va, onda che viene


Ormai sto sul web da abbastanza tempo e sono in grado di riconoscere uno schema ricorrente. Il mio stare qui è come un'onda, che a volte cresce e a volte si ritira. Cambiano le motivazioni, cambiano le aspettative (in netto e costante calo, fortunatamente), forse non cambia il sugo, ma insomma. Così, dopo un periodo in cui ho fatto la chiocciola e mi sono ritirata del tutto dentro al mio guscio, ultimamente un paio di avvenimenti del tutto casuali (ci tengo a sottolinearlo perchè sia chiaro che rientrano nell'ordine della serendipity e vanno presi con la dovuta scarsità di importanza) mi hanno fatto decidere di fare quella cosa che l'anno scorso non avrei mai e poi mai fatto. La cosa bella è che non lo so bene nemmeno io perchè l'ho fatta, visto che sono molto serena riguardo alle possibili conseguenze: saranno nulle. Però ci sono cose che uno fa anche senza scopo, sapendo che non ci guadagnerà niente. La grande differenza di sugo rispetto al passato forse è proprio questa. Perciò adesso ho anch'io la mia bella (e inutile) pagina su Facebook che fa da pendant ad un nuovo blog su Tumblr e alla recentissima iscrizione a Pinterest. I dettagli ai curiosi li fornisco in privato.

Nessun commento:

Posta un commento