lunedì 22 agosto 2016

la freccia nera


Poichè in questo blog non ci si fa scrupolo di pronunciare eresie, ecco che mi appresto ad accostare Stevenson a Gemmell XD In realtà la cosa è stata casuale; avevo finito i quattro volumi della sagra dei Rigante ma la biblioteca era ancora chiusa per ferie (e qui eviterei di addentrarmi in una polemica sul perchè una biblioteca debba chiudere per ferie... e in estate poi, quando caso mai la gente in vacanza ha più tempo per leggere), e così ho pensato di rileggere qualcuno dei miei vecchi libri. Mi è venuto in mente questo classicissimo La Freccia Nera che mi sono finita in due giorni, non potendo fare a meno di pensare che mi ricordava appunto i libri di Gemmell. Poi d'accordo che Stevenson ambienta il suo romanzo in un preciso contesto storico e temporale, mentre Gemmell lavora di fantasia, ma insomma a me non pare che alla fin fine il sugo sia molto diverso.

Aldo Reggiani (Dick Sheldon) e Loretta Goggi (Joan Sedley)

Dal libro allo sceneggiato televisivo il passo è stato breve: La Freccia Nera per la regia di Anton Giulio Majano è stato uno dei capisaldi della mia formazione infantile, anche se devo per forza averlo visto in replica negli anni Settanta in quanto risale al 1968 e dubito che se l'avessi visto a tre anni me ne ricorderei! Grazie a Youtube me lo sono potuta rivedere e devo dire che è un ottimo prodotto vintage (intendendo con questo che ovviamente i canoni attuali sono diversi, ma la sua visione è risultata ancora molto godibile). Lo sceneggiato segue sostanzialmente la trama del libro, pur con alcune infiocchettature, scene e personaggi inventati e altri tagliati (manca per esempio tutta la parte del furto della nave con conseguente fallito ammaraggio e poi naufragio: si vede che per la produzione realizzare questa parte sarebbe stato troppo dispendioso, per cui si è invece allungata la minestra in altro modo). Ho smesso di guardare da anni la TV e ancora da prima avevo smesso di guardare la RAI per via che proponeva solo schifezze, mentre nel suo periodo d'oro era capace di produrre gioiellini come questo che, oltre a intrattenere, erano pure recitati da fior fiore di attori. Niente a che vedere con l'infame rifacimento Mediaset del 2006.


E siccome sono curiosa come una scimmia, mi sono anche chiesta se esistessero altre versioni. Naturalmente sì; il cinema ha riproposto ripetutamente la storia in maniera più o meno fedele, inoltre ne esiste almeno un'altra serie televisiva (britannica) e un cartone animato. Qui però Youtube non mi ha assistito e sono riuscita a reperire solo il film del 1985 per la regia di John Hough, con Oliver Reed nella parte del villain. Il film, se uno lo vede senza aver letto il libro, è anche carino, però la trama originale è stata completamente stravolta, in pratica sono rimasti solo il titolo e i nomi di alcuni personaggi XD C'è da dire che questa produzione aveva più soldi a disposizione e quindi costumi e scene risultano fatti a regola d'arte, inoltre c'è un cast di attori più che dignitosi.



Dicevo dell'ignobile rifacimento del 2006. Su Youtube c'è pure quello, ma in versione russa, nel senso che è stata caricata la versione evidentemente trasmessa sulla TV russa e i russi a quanto pare non mettono sottotitoli, ma una voce parla sopra a tutto traducendo; non ho avuto il cuore di proseguire la visione per vedere se usano sempre la stessa voce, anche quando parlano le donne XD Di questo sceneggiato che vedeva protagonista Riccardo Scamarcio, a suo tempo credo di aver resistito a vedere giusto la prima puntata, dopodichè ho lasciato perdere perchè in fondo non sono così masochista come sembro!

Nessun commento:

Posta un commento